ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE
   
  ASSOCIAZIONE INTERCULTURALE PONTUM - Nuovo sito: www.associazione-pontum.org
  Sportello Informa Immigrati
 

Centro Orientamento e Sostegno Legale e Sociale

“InformaImmigrati”

Via Palermo, 9 – Nettuno (RM)

Orario di funzionamento:
lunedì-sabato, dalle ore 9:00 alle ore 19:30
Responsabile: Contini Mario Jr.

Il Centro fornisce servizi di ascolto, mediazione linguistico-culturale, mediazione sociale interculturale, orientamento nelle procedure di regolarizzazione ed accesso ai diritti di cittadinanza, orientamento e sostegno per l'accesso ai servizi territoriali, tutela legale. Importante ricordare che lo Sportello “InformaImmigrati” da anni è l’unico punto di riferimento alla popolazione straniera regolare e irregolare del Territorio e, sicuramente, incide in maniera determinante nel recupero di tante persone vittime di sfruttamento e possibili bersaglio della piccola e media criminalità. Non soltanto orientando la cittadinanza, ma, quando necessario, denunciando ogni forma di abuso e sfruttamento.

Il Centro “InformaImmigrati” ha il compito di fornire ai lavoratori, ai cittadini ed alle famiglie di stranieri presenti nel territorio, indirizzi ed orientamenti sulle problematiche, diritti e doveri che derivano dalla condizione dello straniero in Italia e vengono regolamentate dalla legislazione italiana ed europea in materia.

In particolare, fornisce consulenze e sostegno per:

Permessi di soggiorno e disbrigo di pratiche riguardanti i “diritti e doveri” dei cittadini immigrati (regolarizzazione dello status giuridico, iscrizione all’INPS, SSN, Ufficio Provinciale del Lavoro, etc., ricongiungimenti familiari, visti, permessi, inviti, ricorsi contro il diniego dello status, carta soggiorno, cittadinanza, etc.) in collaborazione con le Istituzioni preposte (Ministero degli Interni, Esteri, Welfare, Pari Opportunità, Istruzione, Prefetture, Questure, Commissariati, ASL, Comuni, Province, Regioni, etc., direttamente e/o attraverso le loro articolazioni territoriali);

Coordinamento delle realtà locali istituzionali e non-profit per quanto riguarda la tutela della salute, del lavoro e previdenziale;

Corsi di alfabetizzazione e di lingua italiana L2 organizzati presso il centro da insegnanti volontari ed in collaborazione con i corsi EDA territoriali;

Ricerca d’assistenza professionale e di soluzioni abitative autonome in collaborazione con l’Assessorato alla Casa del Comune di Nettuno, Enti assistenziali ed enti non-profit operanti nel settore;

Inserimento scolastico e sostegno alla scolarizzazione dei minori e degli adulti, in collaborazione con le Scuole elementari, medie ed Istituti professionali del Distretto di Nettuno;

Inserimento nei corsi di formazione professionale (pubblici e del settore non-profit, sul territorio cittadino, regionale e nazionale);

Assistenza socio-sanitaria attraverso collaborazioni con: Servizi sociali del Comune, ASL competente, settore non-profit;

Consulenze legali riguardanti il diritto internazionale (ricongiungimenti, minori, etc.);

Mediazione linguistico-culturale presso le Istituzioni presenti sul territorio (Scuole, ASL, Commissariato, Servizi Sociali, etc.);

Interpretariato sociale (traduzioni dei documenti, interpretariato presso le Istituzioni pubbliche, etc.).

FRUIBILITA’ E VIABILITA’

Il Litorale Pontino (Nettuno, 36.000 abitanti; Anzio, 36.500; Ardea, 26.000 e Pomezia, 42.000) si pone all’interno del quadro provinciale tra i territori, nei quali è maggiore la presenza di cittadini stranieri, con circa il 5% del totale.

La graduatoria dei primi trenta comuni per presenza di residenti stranieri (dati Istat) conferma al 31 dicembre 2005 al quinto posto Pomezia (2.998), al sesto posto il comune di Anzio (2.986), al settimo Ardea (2.367), segue il comune di Nettuno all'undicesimo (1.926).

Il Territorio è ben collegato con tutti i mezzi che percorrono il Litorale Pontino e il centro “InformaImmigrati” è diventato in questi ultimi anni di attività uno dei principali punto di riferimento per la popolazione straniera.

Il Territorio è in crescita per quanto riguarda la popolazione straniera, vi sono anche presenti molte realtà associative e culturali con le quali ci sono già molte collaborazioni in atto, ma che non affrontano l’immigrazione. Lontano da essere un fenomeno temporaneo, l’immigrazione deve essere trattata come un fenomeno permanente e l’Italia dovrà imparare a convivere

Certo si tratta di un processo lungo e faticoso che richiede il passaggio di almeno due generazioni, ma perché avvenga con il minor livello di conflittualità sociale e di fratture familiari è necessaria un’opera costante e coerente di mediazione culturale a tutti i livelli, da quello politico a quello istituzionale, a quello del contesto sociale e dei luoghi pubblici in cui italiani ed immigrati interagiscono quotidianamente.

Il Centro Orientamento Legale e Sociale “InformaImmigrati”intende contribuire all’attivazione e messa in rete di un intervento di sistema, dando un contributo concreto al sostegno della piena agibilità e della fruizione dei diritti di cittadinanza degli stranieri e delle loro famiglieIn particolare, come dimostrato dall’esperienza maturata negli ultimi 4 anni di lavoro dello Sportello con gli stranieri, le maggiori problematiche ai quali il progetto intenderà dare una risposta efficace ed efficiente sono dovute ad un insieme di fattori:

- difficoltà nell’inserimento sociale, linguistiche e di comprensione culturale del sistema di funzionamento della società, 

- difficoltà nell’accesso ai diritti di cittadinanza ed alle strutture pubbliche sanitarie, educative e scolastiche, sociali, PP.SS., 

- difficoltà nel realizzare intero percorso di regolarizzazione dello status giuridico dell’intero nucleo familiare, 

- difficoltà generazionali e culturali nei nuclei familiari stranieri,

- difficoltà economiche del nucleo familiare,

- difficoltà nella ri-progettazione della vita, 

- difficoltà negli studi nelle scuole d’obbligo e nell’equipollenza dei titoli di studio, 

- difficoltà nella socializzazione con il territorio e con la popolazione italiana, 

- difficoltà delle categorie vulnerabili nel processo di inserimento sociale.

Gli obiettivi:

1. Fornire servizi di assistenza, di sostegno all’integrazione degli stranieri e delle loro famiglie; garantire maggiori opportunità di cura, di assistenza e di crescita,

1.1 sostegno educativo orientato alla valorizzazione dell’autonomia e della responsabilità degli stranieri e delle loro famiglie,

1.2 sostegno alle capacità di relazione interculturale dei beneficiari con il territorio,

1.3 sostegno nell’analisi dei problemi esistenziali,

1.4 sostegno nel processo di inclusione ed inserimento sociale nonché di realizzazione del progetto migratori del singolo e del nucleo,

1.5 sostegno nella gestione della propria diversità e nell’emersione delle proprie risorse culturali e personali,

1.6 promozione dell’aggregazione spontanea,

2. Rafforzare la rete inter-istituzionale del sistema delle relazioni territoriali e cittadine (pubblico-non profit-cittadinanza) finalizzata all’integrazione dei beneficiari del progetto:

2.1. contribuire alla creazione e gestione del sistema integrato dei servizi rivolti agli stranieri e le loro famiglie,

2.2. contribuire all’elaborazione delle strategie e politiche di gestione della multiculturalità,
2.3. contribuire allo sviluppo della cultura di accoglienza e di partecipazione nella città di Nettuno;

Occuparsi del benessere di stranieri significa occuparsi delle loro condizioni di vita e, quindi, della qualità degli spazi e dei tempi in cui essa si svolge; l’apertura di un Centro di Orientamento e Sostegno può modificare queste condizioni, ma la sua efficacia si misura proprio con la capacità di dialogare con gli altri tempi e luoghi di vita degli stranieri, senza volersi sostituire ad essi.

Il Centro deve poter essere uno “snodo”, saper agire come raccordo tra gli ambienti diversi che lo straniero percorre nella sua giornata e che spesso funzionano con logiche settoriali, disomogenee, richiedendo allo straniero comportamenti e capacità contraddittorie, ognuno assolutizzando la proprie ragioni e divenendo, a volte, causa di un disorientamento che prelude al disagio.

Il Centro agisce con e per gli stranieri.

Le ricadute operative e metodologiche sono significative quando si tratta di:

· considerare gli stranieri come risorsa e non solo come problema o, anche, possibili soggetti a rischio,

· riconoscere le caratteristiche della comunità locale: le sue fragilità e risorse,

· attribuire un ruolo fondamentale all’interno di questo processo a tutti gli stranieri, riferimento primo per i giovani, senza i quali è impensabile avviare un’efficace azione di orientamento e sostegno nei loro confronti;

· riconoscere l’importanza e il valore degli Enti Pubblici e Privati per la realizzazione dei cambiamenti necessari ad una migliore qualità della vita della Comunità.

Lo Sportello "InformaImmigrati" adotta sin dal suo nascere la metodologia e le finalità che vuole raggiungere; coinvolge nella preparazione Istituzioni, Enti e associazioni che a vario titolo operano per un risveglio culturale e sociale del territorio, attivandole intorno ad un progetto globale che ha saputo tener conto nel suo definirsi della pluralità di visuali e delle competenze di tutti i soggetti coinvolti.
Intende continuare a sostenere la rete di servizi interistituzionale già avviata, utilizzando le risorse e le competenze dei servizi sociali e dei cittadini supportati da un nucleo operativo che garantisca la continuità operativa e la diffusione e lo scambio delle informazioni.

 
  Ci sono stati gia' 75801 visitatori (212495 hits) Tutti i diritti riservati  
 
=> Vuoi anche tu una pagina web gratis? Clicca qui! <=
"Ho imparato che un uomo ha il diritto di guardare un altro dall'alto in basso, solamente quando deve aiutarlo ad alzarsi" Gabriel Garcia Marquez